Manuela MATIS

Dopo i diplomi in Violino e in Viola si è perfezionata in violino con M.Iocanovich e in viola con R.Schmidt. Si è poi diplomata in Musica da Camera all’Accademia di S.Cecilia a Roma; ha studiato inoltre all’Accademia Pianistica di Imola e all’Accademia Chigiana di Siena, dove ha ottenuto una borsa di studio, il Diploma di Merito e vi tenuto alcuni concerti.

Inoltre ha seguito corsi con P. Badura Skoda, B. Giuranna, B. Petrushanskij, M. Dancila e A. Meunier.

Ha suonato per importanti associazioni concertistiche e in prestigiose sale: Amici della Musica di Perugia (“Sala dei Notari” a Perugia, Teatri di Bevagna e di Todi), Accademia Filarmonica di Bologna in “Sala Mozart”, Amici della Musica di Campobasso, Sala dei Giganti a Padova, Teatro Agorà di Roma, ecc.

Ha tenuto concerti in quartetto con Bruno Canino e Pier Narciso Masi, in duo con Filippo Faes e Marco Vincenzi, e come solista con orchestra sia col violino che con la viola. Nel giugno 2016 è stata invitata a suonare in duo violino e pianoforte al Festival “Grieg in Bergen” in Norvegia.

Nel 2014 ha ideato il programma “Dalla spirale di Escher alla Sala degli Specchi”, con musiche per violino solo e proiezione di immagini ed è ora in preparazione un programma sulla “Storia della Viola”.

Col Quartetto Athenaeum (www.quartettoathenaeum.it) sono stati inseriti nella pubblicazione del CIDIM dedicata ai vincitori di concorsi internazionali.

“…un complesso dotato di magnifico insieme, ricco di musicalità e composto da elementi anche singolarmente assai validi…” Pier Narciso Masi.

Oltre ad avere avuto una lusinghiera dedica da Bruno Bettinelli per l’esecuzione del suo “Divertimento”, hanno inciso i Quartetti op.87 di A.Dvorak e op.13 di R.Strauss.

L'approfondimento del repertorio l'ha portata a misurarsi con alcuni “corpus” di opere particolarmente significative, come ad esempio tutti i quartetti per pianoforte e archi, i quintetti e i sestetti di J.Brahms e - col  pianista Alberto Magagni -  l’integrale delle Sonate per violino e pianoforte di L. van Beethoven.

Lo studio delle tematiche stilistiche del ‘600 e del ‘700 con Renata Spotti ha portato ad un interessante lavoro su J.S.Bach: nel 2013 le Suites BWV 1007 – 1012 per viola sola, con varie esecuzioni e masterclass; attualmente il percorso si sta completando con le Sonate e Partite per violino solo, violino e cembalo, viola e cembalo.

In seguito a concorso ordinario insegna Musica da Camera - attualmente al Conservatorio di Bolzano - dove ha partecipato a progetti concertistici dedicati a R. Schumann, a F. Busoni, alla musica antica e a quella del ‘900, suonando in vari organici dal duo al quintetto.

Ha studiato la didattica violinistica e violistica con il celebre Maestro Enzo Porta alla Scuola di Musica di Fiesole, si è interessata ad alcune metodologie di insegnamento per l’infanzia e ha avuto spesso un ruolo di preparatore e spalla in orchestre da camera.

Ha tenuto masterclass e concerti per le seguenti Istituzioni Musicali: Spagna Conservatori Superiori “Orozco” di Cordoba, “J.Rodrigo” di Valencia   e “M.M.Littel” di Murcia , Portogallo Università “ESMAE” di Oporto, Turchia “Hacettepe University” di Ankara, Romania Università “G:Enescu” di Iasi, Finlandia Conservatorio di Kuopio.