Note sul corso

Il corso si occuperà della musica per archi del XVII e della prima metà del XVIII secolo.

Il lavoro sarà organizzato in due livelli.

Un livello “iniziale”, per chi non sia in possesso delle conoscenze di base dell’esecuzione su strumenti d’epoca, nel quale si daranno gli elementi basilari di comprensione del testo, di approccio tecnico  e di prassi esecutiva in funzione di un’interpretazione il più possibile “autentica”.

Un livello “avanzato”, per chi, già dotato di uno strumento con montatura adeguata ed in grado di orientarsi sulle problematiche di intepretazione storica, desideri approfondire le questioni stilistiche ed esecutive relative allo stile musicale.

Enrico Parizzi

Violinista e violista, è stato tra i primi ad occuparsi di prassi esecutiva in Italia.

A partire dagli anni’80, ha collaborato con alcuni tra i maggiori specialisti della musica rinascimentale e barocca, da quelli “storici” a quelli più attuali, come Renè Jacobs, Gabriel Garrido, Jordi Savall, Bruce Dickey, Alan Curtis, Michel Piguet, Max van Egmond, Nancy Argenta, Nigel Rogers, Rinaldo Alessandrini, Konrad Junghänel, Chiara Banchini, Dominique Visse, Maria Cristina Kiehr, Rolf Lislevand, Fabio Biondi, Enrico Onofri, Giovanni Antonini, François Fernandez, Enrico Gatti, Aline Zylberajch, Christina Pluhar, Vincent Dumestre, Riccardo Minasi, Andrea Marcon e ancora tantissimi altri, con musicisti classici quali Giuliano Carmignola e Mariella Devia, di musica popolare, di jazz, come Bireli Lagrène, di musica improvvisata, come Michel Godard.        

È stato membro per molti anni dell'ensemble La Fenice (Jean Tubéry), dei Sonatori della Gioiosa Marca, del quartetto d'archi Ad Fontes di Zurigo e violino di spalla nel Parlement de Musique diretto da Martin Gester; è stato inoltre prima viola dell’orchestra Il Pomo d’Oro.

Ha effettuato numerose registrazioni radiofoniche e televisive in Italia ed all’estero ed ha al suo attivo oltre 70 CD per varie case discografiche, tra cui Erato, Astrée-Auvidis, Harmonia Mundi France, Alpha, Naïve, Accord, Ricercar, K617, Naxos, Opus 111, Symphonia, France Musique; le incisioni a cui ha partecipato hanno vinto numerosissimi premi, tra cui Diapason d'Or de l'année, Choc du Monde de la Musique, 10 de Répértoire, Académie Charles Clos,  International Classic Music Award, Echo Klassik Award,  Gramophone Editor's Choice, Recording of the Month, BBC Music Magazine, The Times Records of the Year, GRAMMY Award Nomination, Premio Vivaldi di Venezia.

Ha insegnato violino e viola barocca presso il Conservatorio “S. Pietro a Majella” di Napoli e “E. F. Dall’Abaco” di Verona ed ha tenuto stages di violino, viola e orchestra barocca a Strasburgo, Oporto, Glasgow, Avignone, Verona, Baronissi, (SA), Corinaldo (AN), Montescaglioso (MT), Valdagno (VI). Inoltre, ha collaborato con l'Università di Tours e con l’Università di Rennes 2 per ricerche sulla musica italiana in Francia. Attualmente, insegna presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia.